OZONOTERAPIA  

RESPONSABILE

Dr. Eugenio Glorialanza

geringa-ozonoterapia.jpg

LE CARATTERISTICHE

Cos'è l'OSSIGENO OZONO TERAPIA?

É una terapia basata sulla somministrazione di una certa quantità di ozono nell'organismo, attraverso varie tecniche che su alcune patologie, ha permesso di ottenere dei risultati terapeutici, grazie a:

- Riattivazione del microcircolo, aumentando la disponibilità di ossigeno ai tessuti e riducendo la viscosità ematica.

- Azione antiossidante.

- Azione antinfiammatoria, antalgica e miorilassante.

- Effetto antibatterico, fungicida e virus statico.

LE VIE DI SOMMINISTRAZIONE

La somministrazione può essere:

- TOPICA: mediante applicazione di un sacchetto di plastica reso opportunamente stagno, in cui viene fatto fluire l'OZONO.

- LOCALE: per via intramuscolare, sottocutanea, intra-articolare, per insufflazione rettale e vaginale.

- SISTEMICA: con l'utilizzo dell'autoemoinfusione, eseguita tramite un'apposita sacca certificata SANO3.

Il sangue addizionato con la miscela di OZONO viene reinfuso senza manipolazione o distacco del paziente.

TOSSICITÀ ED EFFETTI COLLATERALI

Non esistono effetti collaterali o reazioni allergiche di alcun tipo se tale trattamento è correttamente applicato. Unica avvertenza è che l'esecuzione della metodica sia ad opera di medici formati ed addestrati da corsi appositi e certificati SIOOT come richiesto dall'Istituto Superiore di Sanità.

LE APPARECCHIATURE 

Le apparecchiature per la produzione dell'ozono devono rispondere a particolari requisiti di qualità previsti da SIOOT (Società Scientifica di Ossigeno - Ozono Terapia). I Protocolli, frutto dell'esperienza clinica e bibliografica, prevedono l'utilizzo di apparecchiature MULTIOSSI GEN MED 98 HCPS, MED 95 CPS, MED 99 IR.

Patologie trattate

  • Artrosi spalla (o scapolo-omerale)

  • Cervicobrachialgia

  • Coxalgia

  • Coxartrosi (o artrosi anca)

  • Discopatia

  • Emicrania

  • Epicondilite (gomito del tennista)

  • Epitrocleite (gomito del golfista)

  • Ernia discale

  • Fibromialgia

  • Gonalgia

  • Gonartrosi (o artrosi ginocchio)

  • Lombalgia

  • Lombosciatalgia

  • Piaghe da decubito

  • Sciatalgia

  • Spondilolistesi

  • Tendinite

  • G.A.E.(Grande Autoemotrasfusione) per trattare :
         A) HERPES ZOOSTER e SIMPLEX
         B) EPATOPATIE
         C) INFEZIONI POST‐IMPIANTI PROTESI ARTO INFERIORE (ANCA,GINOCCHIO)
         D) FIBROMIALGIA
         E) MORBO di PARKINSON
         F) SCLEROSI MULTIPLA
         G) CEFALEE A GRAPPOLO e VASOMOTORIE
         H) TERAPIA COMPASSIONEVOLE durante CHEMIOTERAPIA e RADIOTERAPIA per migliorarne l’efficacia
         I) TRATTAMENTO dei DISTURBI POST‐COVID o POST‐VACCINAZIONE (ASTENIA,DOLORI MUSCOLARI)

  • PICCOLA AUTOEMOTRASFUSIONE per :
         A) ALLERGIE e ASMA
         B) RINITI ALLERGICHE‐VASOMOTORIE

  • INSUFFLAZIONI RETTALI :
         A) EMORROIDI
         B) IPERTROFIA PROSTATICAI
         C) ECZEMI ANALI

  • APPLICAZIONE TOPICA CON SACCHETTO:
         A) ULCERE E PIEDE DIABETICO